Contributi Europei a fondo perduto per l’Abruzzo: il bando di 16 milioni di euro

Finanziamenti a fondo perduto in Abruzzo: interventi per rinforzare le aree interessate da una crisi diffusa delle attività produttive.

Aree di crisi non complessa: ecco il Bando 2017

L’avviso “POR FESR Abruzzo 2014-2020” è stato pubblicato dalla regione Abruzzo, per appoggiare le economie locali che sono state soggette a crisi industriale non complessa.

Il Bando è finalizzato al sostegno della ripresa economica ed occupazionale nelle aree individuate a livello regionale dal regolamento.

Aiuti de minimis per le imprese abruzzesi

L’aiuto de minimis è disciplinato in base al Regolamento UE n. 1407/2013. Si tratta di una regola che stabilisce una soglia massima di 200.000 mila euro tramite i quali un’impresa può essere finanziata a fondo perduto nel giro di tre anni.

Il contributo è concesso in base all’ammontare delle spese ammesse, e parte da una percentuale del 30% della spesa ed arriva ad un massimo del 50%.

I requisiti per accedere ai finanziamenti a fondo perduto

Possono accedere al finanziamento le piccole medie imprese già esistenti o appena avviate. Tutte queste devono risultare iscritte presso il Registro delle Imprese alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura sul territorio di competenza.

Per l’ammissione della domanda, le imprese destinatarie devono appartenere a determinati Codici ATECO 2007. Ecco quali:

  • Attività coinvolte in servizi di alloggio e ristorazione
  • Attività sportive, artistiche e di intrattenimento
  • Costruzioni
  • Attività di risanamento e trattamento dei rifiuti, reti fognarie e fornitura d’acqua potabile
  • Attività manifatturiere (escluse l’industria siderurgica e le imprese che fabbricano fibra artificiali e sintetiche)
  • Commercio al dettaglio e all’ingrosso
  • Servizi informatici e di comunicazione
  • Assistenza sociale e sanità
  • Riparazione di veicoli
  • Attività professionali, tecnico-scientifiche
  • Altre attività riguardanti servizi destinati alla cura della persona o che processano beni ad uso personale

I piani che sono finanziabili

Si finanziano progetti che prevedono:

  • la realizzazione di prodotti nuovi
  • il consolidamento dei processi produttivi
  • una nuova organizzazione gestionale e di marketing

Questi progetti inoltre, devono prevedere un investimento minimo di 50.000 euro. Di questi, tutte le spese devono risultare ammissibili e coerenti con quanto stabilito dal bando per poter essere finanziate.

Contributi Regione Abruzzo 2017: come presentare la domanda

Per presentare la domanda di finanziamento bisogna scaricare “Allegato I – domanda di ammissione al finanziamento.docx” (a metà pagina) dal sito della regione Abruzzo. Il link fornito rimanda all’avviso ufficiale e completo, che presenta informazioni più dettagliate e complete.

Invio telematico

Il modulo scaricato, va compilato correttamente e prevede l’applicazione del bollo elettronico. Infine deve essere sottoscritto con firma digitale.

Per chi non disponesse di quest’ultima, è sufficiente stampare e compilare il documento come da indicazioni, per poi effettuare l’upload della scansione sulla piattaforma dedicata.

Vanno compilati anche gli altri allegati previsti dal Bando, con le stesse modalità di invio e sottoscrizione della domanda.

Una volta conclusa la procedura, non è possibile effettuare modifiche oppure integrazioni. L’unica possibilità, è l’invio di una domanda diversa, che annulla automaticamente la precedente.

Scadenze da rispettare per la presentazione

La domanda può essere presentata:

  • Dalle 10.00 del 15 maggio 2017
  • Alle 12.00 del 28 giugno 2017

 

 

 

 

Finanziamenti Europei: altri articoli correlati

Fondi europei per Pmi 2014