Cultura Crea, gli incentivi per promuovere l’industria culturale al Sud Italia

Cultura Crea è un progetto pensato per alcune specifiche regioni italiane, quali Basilicata, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia (destinatarie dell’intervento PON 2014-2020 Cultura e sviluppo).

Si rivolge alle micro, piccole e medie imprese dell’industria culturale e creativa, con l’obiettivo di fornire dei finanziamenti a fondo perduto e agevolati per realizzare progetti di investimento. Le risorse finanziarie stanziate ammontano a circa 107 milioni di euro, inoltre è prevista una dotazione aggiuntiva di 7 milioni di euro.

Cultura Crea: cos’è?

Promosso dal Mibact, il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Cultura Crea è l’incentivo che mira a valorizzare le risorse culturali territoriali delle regioni meridionali, ossia Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Gli obiettivi sono:

  • sostenere la nascita e la crescita di iniziative imprenditoriali e no profit nell’ambito dell’industria culturale, creativa e turistica;
  • consolidare i settori produttivi collegati;
  • rafforzare la competitività delle micro, piccole e medie imprese.

A chi è rivolto Cultura Crea?

Il Bando Cultura Crea è rivolto a startup, imprese consolidate o imprese sociali e, in particolare:

– l’incentivo per la “Creazione di nuove imprese nell’industria culturale” finanzia:

  • team di persone fisiche che vogliono costituire una impresa, a patto che la costituzione avvenga entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni;
  • le imprese costituite in forma societaria da non oltre 36 mesi, incluse le cooperative.

– l’incentivo per lo “Sviluppo delle imprese dell’industria culturale” finanzia:

  • le imprese costituite in forma societaria  da non meno di 36 mesi, incluse le cooperative

– l’incentivo per il “Sostegno ai soggetti del terzo settore dell’industria culturale” finanzia imprese e soggetti del terzo settore, quali ONLUS e imprese sociali.

Quali sono i vantaggi per l’impresa?

Le imprese che decidono di partecipare al bando Cultura Crea possono godere di:

  • un finanziamento agevolato a tasso zero;
  • un contributo a fondo perduto sulle spese ammesse;
  • una premialità aggiuntiva per giovani, donne e imprese con rating di legalità.

Gli incentivi previsti possono coprire fino all’80% delle spese totali, elevabili al 90% in caso di premialità.

Come fare la domanda?

Le domande per poter accedere al finanziamento a fondo perduto possono essere presentate esclusivamente online.

Le richieste sono valutate entro 60 giorni secondo l’ordine cronologico di arrivo. Per richiedere le agevolazioni è necessario:

  • registrarsi ai servizi online di Invitalia fornendo un indirizzo di posta elettronica ordinario;
  • accedere al sito riservato per compilare online la domanda, caricare il business plan e la documentazione;
  • disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) per concludere la domanda.

L’incentivo è gestito da Invitalia, che ha il compito di:

  • valutare i business plan;
  • erogare i finanziamenti;
  • monitorare la realizzazione dei progetti d’impresa.

 

 

Finanziamenti Europei: altri articoli correlati