Finanziamenti agevolati giovani: Bando Selfiemployment

SELFIEmployment è un Fondo Rotativo Nazionale istituito dal Ministeri del Lavoro e delle Politiche Sociali, destinato al finanziamento agevolato privo di interessi per iniziative imprenditoriali giovanili.

Bando Invitalia: incentivi per l’imprenditorialità giovanile

Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono:

  • Supportare l’avvio di nuove realtà imprenditoriali portate avanti da giovani NEET (lavoro autonomo o esercizio di attività d’impresa);
  • Fornire servizi mirati di tutoraggio per facilitare la realizzazione del progetto e/o dell’idea imprenditoriale.

Requisiti per accedere ai finanziamenti

Il Fondo, affidato alla gestione di Invitalia (Programma Garanzia Giovani), finanzia a tasso zero le iniziative di giovani NEET. Questo acronimo identifica i giovani tra i 18 e 29 anni che non sono impegnati in percorsi di studio o training professionale, né possiedono un lavoro. Chi è interessato a partecipare al bando, deve avere residenza in Italia.

I giovani rientranti in questa descrizione, che hanno un’attitudine all’imprenditorialità, devono risultare iscritti al programma Garanzia Giovani. Questo indipendentemente dal fatto che si sia intrapreso il percorso di formazione previsto dal programma.

Comunque, è utile sottolineare che ai partecipanti del percorso, vengono assegnati 9 punti sotto forma di premialità sul punteggio complessivo al momento di valutazione della domanda.

Finanziamenti imprenditoria giovanile: le attività ammesse da SELFIEmployment

L’iniziativa che si intende avviare, deve essere presentata nella domanda come:

  • Imprese individuali, società cooperative, società di persone con un massimo di 9 soci
  • Società tra professionisti e associazioni professionali

Esse possono essere costituite da massimo 1 anno (12 mesi), ma devono risultare inattive al momento di presentazione della domanda.

Settori ammessi dal bando

Le iniziative (anche sotto forma di franchising) vengono sostenute se inserite nei seguenti settori:

  • Servizi alla persona, alle imprese e per l’ambiente
  • Energie rinnovabili e risparmio energetico
  • Servizi ICT
  • Turismo
  • Imprese manifatturiere e artigiane
  • Commercio all’ingrosso e al dettaglio

I settori esclusi sono quelli identificati nell’articolo 1 del Regolamento Europeo 1407/2013 (ad esempio pesca ed acquacoltura e produzione agricola).

Finanziamenti a tasso zero per i giovani imprenditori

SELFIEmployment finanzia progetti con piani di investimento tra i 5.000 e 50.000 euro al netto dell’IVA. In particolare le iniziative vengono finanziate al 100% in base ai piani di investimento presentati:

  • Microcredito: 5.000 – 25.000 euro
  • Microcredito esteso: 25.001 – 35.000 euro
  • Piccoli prestiti: 35.001 ed i 50.000 euro

Come funziona il finanziamento Selfiemployment?

Per questi finanziamenti non sono previsti né interessi né forme di garanzia reale da rispettare. Sono rimborsabili entro 7 anni tramite rate mensili posticipate (inizio del rimborso dopo 6 mesi che è stato concesso il prestito). Chi risulta idoneo e riceve le agevolazione, è tenuto ad effettuare gli investimenti entro 3 anni dall’ammissione del progetto.

  • I finanziamenti agevolati vengono concessi in base al regime “de minimis”stabilito dal Regolamento UE 1407/2013.
  • Nella data di pubblicazione di questo articolo, la disponibilità del Fondo ammonta a 114,6 milioni di euro.

Presentare la domanda: modulistica Invitalia

A valutare le domande, erogare gli incentivi e controllare l’avanzamento dei progetti finanziati è Invitalia.

La domanda può essere presentata solo tramite piattaforma online, registrandosi sul sito di Invitalia e compilando nell’area riservata il modulo. Assieme alla domanda, va caricato il Business plan e tutta la documentazione prevista nel regolamento del bando. In particolare, coloro che vogliono vedersi attribuiti i 9 punti di premialità in relazione al programma Garanzia Giovani, devono presentare in allegato alla domanda, l’attestato di partecipazione.

La procedura si conclude solo attraverso il possesso di PEC (posta elettronica certificata) e di firma digitale.

 

Finanziamenti Europei: altri articoli correlati

Bando creazione nuove imprese