Finanziamenti Europei per Giovani Migranti: Bando per lo sviluppo delle capacità imprenditoriali

La Direzione Generale per il Mercato Interno, l’Industria e l’Imprenditoria dell’Unione Europea ha emesso in questi giorni un bando per lo “sviluppo delle capacità imprenditoriali dei giovani migranti”, rivolgendosi ai suddetti per promuovere attività di sostegno e approfondimento delle loro competenze professionali.

I giovani immigrati che vivono legalmente in uno dei 28 Paesi dell’Unione, possono presentare la propria candidatura entro il 30 novembre 2016, ore 17:30 secondo il fuso orario di Bruxelles. In particolare il bando è rivolto a quei giovani che abbiano certificate abilità imprenditoriali ( che potranno essere testimoniate attraverso diplomi, certificati scolastici, curriculum vitae ) e un progetto da realizzare, nonché la capacità di portarlo a termine . Il bando prevede infatti fondi da destinare alla concretizzazione di 4 progetti scelti tra quelli presentati, con lo stanziamento di 2.150.000 euro che saranno impiegati anche per la realizzazione dei corsi formativi per consolidare le competenze su impresa, pianificazione aziendale, ricerche di mercato, aspetti legali della costituzione di società, assunzione dei dipendenti, nonché in attività di mentoring. La durata massima dei progetti sarà di 24 mesi.

I corsi saranno strutturati in vari modi attraverso lezioni in classe, seminari, workshop, gruppi di lavoro, corsi e seminari online. I candidati potranno presentare la domanda ( scritta in una delle lingue ufficiali della Comunità, possibilmente allegando una copia in inglese) sia individualmente che collettivamente. In tal caso dovranno costituire gruppi di almeno 3 persone (residenti in 3 Stati dell’Unione ) ed eleggere un coordinatore che li rappresenti. Tutte le candidature vanno presentate tramite una persona giuridica.

Il progetto così articolato si inserisce in un più ampio disegno economico volto ad arricchire il mercato europeo attraverso il sostegno alle imprese. Consolidando le competenze degli imprenditori, se ne vogliono incoraggiare l’ingresso e la permanenza sul mercato, consegnando gli strumenti necessari per acquisire l’indipendenza economica che giova ai singoli e alla collettività.

Obiettivo basilare del bando è quello di aiutare i giovani migranti a costruire la propria impresa e raggiungere l’indipendenza economica, ma il periodo formativo oltre ad accertare e consolidare le competenze imprenditoriali dei cittadini, li aiuterà a conoscere in prima persona il funzionamento dei sistemi economici europei ( tassazione, obbligazioni, risk taking, ecc. ) e fornirà loro anche le necessarie competenze linguistiche facilitando, soprattutto per i più giovani, l’integrazione nella società di accoglienza. Possono capire come, per esempio, aprire una lavanderia in franchising e rendersi economicamente indipendenti nella loro nuova vita in Italia o in qualsiasi paese europeo.

Nell’ottica di un arricchimento bilaterale, sia per i migranti che per la società, la Comunità non finanzierà il prolungamento di attività già esistenti, ma chiede ai giovani di presentare progetti nuovi, possibilmente esportabili anche in altri Paesi. Questo tipo di progetti godranno di priorità nella scelta da parte dell’Unione, alla ricerca del valore aggiunto portato dall’incontro tra culture diverse. I partecipanti riceveranno anche informazioni e consigli sulla possibilità di esportare le nuove attività economiche nei loro Paesi di origine, per promuovere lo sviluppo economico e sociale.

 

Finanziamenti Europei: altri articoli correlati

Finanziamenti europei fondo perduto 2015