Finanziamenti europei per start up: arrivano i nuovi requisiti

Finanziamenti europei per start up: arrivano i nuovi requisiti. Sono stati modificati i requisiti per l’accesso ai finanziamenti dell’Unione Europea rivolti alle start-up e alle imprese sociali, secondo i nuovi parametri tesi al miglioramento all’accesso al credito delle PMI e quindi allo sviluppo competitivo del tessuto produttivo europeo.

È uno dei regolamenti definiti dal Single Market Act che interessano i fondi rivolti alla fornitura di capitali per le piccole e medie imprese nel periodo di avvio delle attività e imprenditoria sociale, con specifica attenzione agli strumenti di investimenti fruibili, mezzi di debito e piccoli prestiti.

Nel caso di queste due categorie di destinatari dei finanziamenti europei, sono state definite rispettivamente le denominazioni EuVeca ed EuSef. Vediamo i maggiori dettagli sui finanziamenti europei per start up.  Con le nuove norme comunitarie per i gestori dei fondi di venture capital e dei fondi destinati all’imprenditoria sociale, abbiamo una serie di conseguenze:

  • Avremo requisiti uniformi dal punto di vista comunitario per i gestori di organismi di investimento collettivo, inerenti il portafoglio e le tecniche di investimento e le imprese ammissibili;
  • Vi saranno inoltre delle regole uniformi per le categorie di investitori ai quali il fondo europeo si può indirizzare e per l’organizzazione interna dei soggetti gestori che li commercializzano;
  • Le novità non finiscono qui, vi sarà il passaporto europeo per i manager di venture capital che assicura le medesime condizioni per gli operatori di mercato.

Per avere un aggiornamento costante su tutte le opportunità relative ai finanziamenti europei per start up, vi consigliamo di visitare il portale ufficiale della Comunità Europea. Per ogni singolo bando sono definiti dei requisiti specifici che possono integrare le norme generali.

 

Finanziamenti Europei: altri articoli correlati