Finanziamenti start up innovative – Bando Emilia Romagna

La Regione Emilia Romagna ha pubblicato il bando da 4,5 milioni di euro rivolto alle start up innovative.

Finanziamenti regionali a fondo perduto: il Bando

Il bando 1.4.1 del POR FESR 2014-2020 è riservato alle start up innovative con sede in Emilia Romagna. Queste risorse sono destinate a piccole e micro imprese start-up costituite come società di capitali ed iscritte nella sezione speciale del Registro delle Imprese.

L’obiettivo di questi stanziamenti è di favorire la nascita e lo sviluppo di start-up che possano generare nuove nicchie di mercato. L’attività può riguardare sia la produzione che i servizi: il denominatore comune deve essere l’elevato contenuto tecnologico e innovativo con cui si propone di generare ricchezza.

Regione Emilia Romagna bandi: i requisiti per accedere

Al momento di presentazione della domanda, l’impresa deve risultare in sintonia con determinati requisiti formali. Deve in particolare:

  • Avere una dimensione di impresa classificabile esclusivamente come micro o piccola;
  • Essere iscritta nella sezione speciale del Registro delle Imprese (“Start-up Innovativa“) presso la CCIAA competente;
  • Risultare attinente ai settori “ATECO 2007” specificati nel bando (non tutti i settori identificati nei codici ATECO sono ammissibili ai fini di questo bando);
  • Non essere in stato di liquidazione, fallimento o altre procedure concorsuali.

Finanziamenti start up innovative: Progetti

Questo bando contribuisce anche all’implementazione della Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente. I progetti di start up presentati, devono essere coerenti con tale strategia, dimostrando di essere originali almeno su uno degli ambiti produttivi prioritari individuati nella Strategia. Nello specifico:

  • Sistema agroalimentare e dell’edilizia
  • Motoristica e meccatronica
  • Industrie del benessere e la salute
  • Industrie culturali
  • Innovazione nell’ambito dei servizi.

Due tipologie di progetti ammessi al Bando 2017

I progetti vanno presentati sotto l’identificazione di una delle due tipologie previste dal bando.

  • Tipologia A. I progetti prevedono piani di investimento per l’avvio dell’impresa. Quest’ultima deve essere stata costituita dopo il 1 gennaio 2014 per essere ammissibile.
  • Tipologia B. Gli investimenti da realizzarsi nell’ambito del progetto presentato, sono finalizzati alla crescita e allo sviluppo di un’attività di impresa già avviata, e costituita dopo il 1 aprile 2012.

Finanziamenti start up fondo perduto: spese ammesse e durata

La durata dei progetti decorre dalla data in cui la concessione del contributo è stata eseguita:

  •  per la tipologia A, 12 mesi
  •  per la tipologia B, 18 mesi

Esclusivamente per la tipologia A sono ammesse spese sostenute prima della presentazione della domanda. Il massimo di riconoscimento possibile per tali esborsi è del 20% del costo totale previsto nel progetto. Si deduce che per la tipologia B le spese ammesse sono soltanto quelle sostenute successivamente alla presentazione della domanda di partecipazione al bando.

Affinché i pagamenti vengano riconosciuti, le spese vanno concluse soltanto tramite bonifico singolo. La fattura in originale e l’estratto conto che attesta la corrispettiva uscita finanziaria, sono l’unica modalità per dimostrare la quietanza di pagamento.

Regione Emilia Romagna contributi a fondo perduto

Il finanziamento a fondo perduto consiste nella percentuale del 60% sul totale di spese ammesse dal bando. Ci sono tuttavia delle soglie massime di contributo:

  • Tipologia A: 100.000 euro
  • Tipologia B: 250.000 euro

Bonus 10% per alcune start up innovative

Oltre a quanto appena illustrato, c’è da dire che esiste una maggiorazione a parte, che consiste nell’aggiunta di 10 punti percentuali di contributi. Questo incremento viene concesso alle imprese che alla conclusione del progetto prevedono l’assunzione a tempo indeterminato di:

  • almeno 2 lavoratori per la tipologia A di progetto
  • almeno 3 lavoratori per la tipologia B di progetto

Questa maggiorazione di contributo in conto capitale, deve essere richiesta espressamente in fase di presentazione della domanda. Inoltre deve essere dichiarata l’entità dell’aumento occupazionale che prevede il progetto entro la sua conclusione.

Finanziamenti fondo perduto Emilia Romagna 2017 – Domanda

La domanda di presentazione al bando deve essere accompagnata dal Business Plan del progetto per cui si vuole ottenere il finanziamento. Il termine di partecipazione al bando è fissato al 30 novembre 2017 (17.00).

L’invio della domanda avviene esclusivamente tramite piattaforma informatica, cui si può accedere da qui.

Per quanto riguarda i dettagli specifici del bando, invitiamo a consultare il decreto ufficiale (in formato pdf scaricabile) sul sito della Regione Emilia Romagna.

 

 

Finanziamenti Europei: altri articoli correlati