Fondo editoria, 21milioni per PMI, assunzioni e disoccupati

Fondo editoria, quali sono gli interventi previsti? Chi ne beneficerà?

È scattato il fondo straordinario editoria, una misura per sostenere le imprese che operano in questo ambito produttivo. Gli interventi di sopporto prevedono un budget corrispondente a circa 21 milioni di euro, risorse relative al periodo 2014-2016.

Sono previsti:

  • incentivi agli investimenti in innovazione tecnologica e digitale;
  • incentivi all’assunzione di giornalisti;
  • parziale finanziamento degli ammortizzatori sociali per giornalisti disoccupati o soggetti a processi di riduzione dell’attività lavorativa per collocamento in cassa integrazione o dalla stipula di contratti di solidarietà difensiva

Nell’insieme degli interventi disposti è previsto l’investimento di 7,5 milioni di euro per il Fondo di Garanzia per le PMI. Intervento destinato al supporto degli investimenti in innovazione tecnologia e digitale nel settore dell’editoria. Grazie al Fondo sarò agevolato inoltre l’accesso ai finanziamenti per le piccole e medie imprese mediante la garanzia pubblica.

Circa 500 mila euro del Fondo potranno essere riservati per il riconoscimento di un contributo alle imprese editoriali di nuova costruzione che intendano investire in progetti innovativi, che verranno valutati da un’apposita Commissione.

Fondo straordinario editoria: assunzioni agevolate

Per la promozione dell’occupazione, invece, si è verificato lo stanziamento di 11 milioni di euro per nuove assunzioni agevolate di giornalisti. L’agevolazione si tradurrà in uno sconto per i datori di lavoro pari al 100% dei contributi previdenziali in caso di contratti a tempo indeterminato e al 50% in caso di contratto a tempo determinato. Lo Stato curerà la contribuzione previdenziale per i nuovi assunti per tre anni.

Due milioni di euro, infine, saranno usati per gli ammortizzatori sociali. Se avete bisogno di maggiori informazioni, vi invitiamo a leggere il testo completo del decreto.

Finanziamenti Europei: altri articoli correlati

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *