Invitalia fondo perduto: le opportunità per il 2016

Invitalia fondo perduto 2016

L’Agenzia nazionale per l’attrazione d’impresa e lo sviluppo di investimenti, Invitalia fondo perduto offre l’opportunità di accedere a vantaggiosi finanziamenti a tasso agevolato e fondo perduto destinati a diverse tipologie di imprese.

Possono usufruire delle agevolazioni Invitalia sia le persone fisiche che intendono avviare un’attività di lavoro autonomo ma anche le microimprese e le persone fisiche o società che intendono avviare un’attività imprenditoriale in franchising.

Finanziamenti a fondo perduto

Il primo strumento proposto da Invitalia fondo perduto è l’autoimpiego rivolto principalmente a disoccupati o inoccupati che vogliono mettersi in proprio con una ditta individuale.

Le iniziative agevolabili potranno riguardare qualsiasi settore dalla produzione di beni, alla fornitura di servizi o commercio, mentre non potranno essere agevolabili tutte le attività CIPE o da disposizioni comunitarie.

Lavoro autonomo è un prestito a tasso agevolato ed a fondo perduto per tutti gli investimenti che non dovranno superare necessariamente i 25.823 euro . Fondi che potranno essere destinati alle attività per un periodo di almeno 5 anni a decorrere dalla data della delibera dell’ammissione delle agevolazioni.

Le agevolazioni finanziarie previste da Invitalia fondo perduto che possono essere concesse sono dei contributi a fondo perduto o finanziamento a tasso agevolato con una copertura del 100% degli investimenti, oltre ai servizi di sostegno per la fase di realizzazione di avvio dell’iniziativa.

Il contributo a fondo perduto per tutti gli investimenti sarà pari alla differenza tra gli investimenti che sono stati considerati ammissibili e l’importo del finanziamento a tasso agevolato, mentre le spese di gestione relative al primo anno non potranno superare i 5.164,57

Invitalia microimpresa fondo perduto

Ulteriore agevolazione particolarmente allettante proposta da Invitalia fondo perduto è microimpresa rivolta a persone che vogliono  avviare un’attività imprenditoriale ma di piccole dimensioni, agevolazione che potrà essere richiesta solo se la maggioranza dei soci risulta disoccupata o inoccupata.

In questo caso l’ammontare massimo che potrà essere concesso tramite fondo perduto si aggirerà intorno ad una cifra non superiore a 129.114 euro. Invitalia fondo perduto che riguarda sia gli investimenti che potranno essere coperti fino al 100% ma anche alla gestione e le spese del primo anno di attività.

Il bando per franchising invece è rivolto a persone fisiche e società di persone e capitali che vogliono avviare un’attività di franchising.

In questa circostanza potrà essere richiesto sia un finanziamento a tasso agevolato, per investimenti ma anche per i costi di gestione pluriennali, oltre alla possibile erogazione di investimento a fondo perduto.

Invitalia finanziamenti a fondo perduto 2016: come presentare la domanda

Il percorso per riuscire ad ottenere le agevolazioni Invitalia avviene tramite presentazione di una domanda, che dovrà essere completa di tutte le indicazioni circa la propria idea imprenditoriale per il lavoro autonomo.

Mentre nel caso di microimprese sarà necessario indicare ogni informazione sulla società proponente e in caso di franchising anche la scelta del franchisor, nonché di tutti gli allegati che attestano l’esistenza dei requisiti di legge.

 

Finanziamenti Europei: altri articoli correlati

Invitalia fondo perduto