Connecting Europe Facility: previsti 33 miliardi di finanziamenti Ue

Connecting Europe Facility: previsti 33 miliardi di finanziamenti Ue. Grazie il connecting europe facility (CEF) l’Europa assicura fondi per oltre 33 miliardi di euro destinati al finanziamento di progetti sviluppati nell’ambito di sporti, energia e telecomunicazioni.

Gli incentivi riguardano gli anni che vanno dal 2014 al 2020. Sono interessate in modo specifico le reti transeuropee di trasporti, energia e telecomunicazioni, cui si aggiungono gli investimenti pubblici e privati nel settore delle nuove tecnologie.

Ma come sono pensati gli investimenti di 33,24 miliardi? Per quanto attiene il settore dei trasporti abbiamo circa 26,25 miliardi, 11,3 miliardi di euro provengono dal fondo di coesione e destinati ad essere spesi dagli Stati membri ammissibili al fondo di coesione;

Il settore delle telecomunicazioni ottiene 1,1 miliardi di euro;

nell’ambito dell’energia invece vi sono 5,85 miliardi di euro;

Ma passiamo ai dettagli degli investimenti. Nel settore dei trasporti vi sono finanziamenti volti eliminare le strozzature presenti; accrescere la rete ferroviaria, migliorare le tratte transfrontaliere, adeguare le reti di trasporti ai flussi futuri e ridurre al minimo i trasporti inquinanti. L’intento di fondo è rappresentato dalla sostituzione di trasporti a carbone, andando a ridurre così le emissioni inquinanti.

Nel settore dell’energia, invece, le finalità sono: promozione dell’integrazione del mercato interno, sviluppo dell’interoperatività transfrontaliera delle reti di gas ed energia. L’intento è anche quello di migliorare la sostenibilità delle reti e di tutelare l’ambiente attraverso l’incentivazione l’uso di energia proveniente da fonti rinnovabili e sviluppando reti energetiche intelligenti (smart grid) e reti dell’anidride carbonica.

Finanziamenti Europei: altri articoli correlati

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *